PERFEZIONE…

 

Enrico mi ha spesso rimproverato di scrivere articoli che riportano mani troppo difficili, solo per pochi …. eletti . Pur non essendo d’accordo, nella convinzione che i racconti debbono fondamentalmente essere uno stimolo, oltre che un puro divertimento, oggi voglio ascoltarlo e riporto una mano molto semplice, che spero possa essere “istruttiva” per … tutti .
Quando mi è capitato di passare qualche serata a casa di amici , ”ex allievi “, per aiutarli a “crescere” (?) nel gioco, ho sempre sottolineato la necessità di giocare a bridge con tutte le 52 carte, anche quelle dell’avversario. Spesso non lo facciamo semplicemente per pigrizia ! Questa mano mi sembra sia un buon esempio.

3 Commenti a “PERFEZIONE…”

  • Luca:

    Comunque grazie Aldo per avermi fatto fare tutte quelle valutazioni.?

  • admin:

    Per chi avesse la curiosità di dare un nome ai due sfortunati avversari di Aldo, dopo una scrupolosa verifica posso rivelare che a mio avviso trattasi del grande Gino U., vicePresidente Nazionale!, e del filiforme Luca S. (no, non lo Stilli, l’altro Luca, quello “sempraddieta”). Vero?